Bietola

Warenkunde

Bietola

Un tempo considerata l’“asparago dei poveri”, la bietola è oggi una verdura apprezzata nelle cucine dei grandi ristoranti.

La fragranza delle sue foglie, che vanno dal giallo, verde chiaro o verde scuro al rosso-viola, ricorda gli spinaci, mentre il sapore dei gambi spessi e colorati è simile a quello degli asparagi. Eppure la bietola non appartiene alla famiglia di nessuna di queste verdure bensì a quella delle barbabietole. Originaria dell’area mediterranea, la bietola è coltivata fin dal 400 a.C.

Ne esistono fondamentalmente due varietà:

La bietola da coste è contraddistinta da coste centrali dure e sporgenti nelle foglie, che possono raggiungere una lunghezza di 30 centimetri ed essere bianche, gialle, arancioni, verdi, rosa o viola. La varietà viola è di solito la più saporita. Dato che i gambi richiedono una cottura più lunga, è preferibile cuocerli prima e poi aggiungere le foglie tritate finemente alcuni secondi prima della fine della cottura. La bietola è uno dei primi ortaggi primaverili. Le varietà colorate di bietole sono presenti sui mercati fino all’autunno.

La bietola da foglie è molto più piccola ma ha foglie più grandi con coste più sottili rispetto alla bietola da coste. Ha un sapore più delicato di quello degli spinaci. La bietola da foglie ricresce quando viene tagliata ed è resistente al freddo, perciò può essere raccolta tutto l’anno. Le foglie possono essere mangiate crude, in insalata, o sbollentate per cinque minuti e servite come contorno. I gambi devono essere cotti e sono squisiti con la besciamella. Le foglie possono essere utilizzate per preparare minestre e farciture o in torte salate. I gambi e le foglie sono perfetti per gratin e contorni con sugo di carne.

Testo: Rainer Meier

 
DE FR IT